Il deck di Greenwood a 1700 metri d’altitudine, per un progetto che toglie il fiato

A 1700 metri d’altitudine, in vetta al Monte Generoso (in Canton Ticino), è stato realizzato un ristorante-rifugio a firma di Mario Botta: Fiore di Pietra, sul ciglio roccioso della montagna, ospita al suo interno due ristoranti e offre una vista a 360 gradi su un panorama mozzafiato.

Chi si è occupato del progetto? Molte sono le figure coinvolte: l’architetto di fama mondiale non è autore solo del disegno dell’imponente edificio, ma anche dell’allestimento degli spazi interni. Lo studio d’ingegneria Brenni Engineering AG è responsabile invece del progetto statico, mentre lo studio Marzio Giorgetti Architetti SA ha assunto il coordinamento e la direzione dei lavori sul posto, che si sono svolti in difficili condizioni logistiche.

Per quanto riguarda i ristoranti, invece, FIP Studio Fischli SA ha elaborato il concetto gastronomico e progettato i locali di esercizio e produzione.

Questa imponente struttura si inserisce perfettamente nel contesto naturale che la circonda: proprio come la montagna su cui poggia, Fiore di Pietra è in calcestruzzo armato e rivestito con una muratura di pietra grigia con strisce alternate, lisce e a spacco.

Qual è stato il ruolo di Woodn? Per questo progetto, c’era la necessità di trovare un prodotto da esterno che rappresentasse la bellezza e il profumo del legno e fosse dimensionalmente stabile e che avesse bisogno di una manutenzione minore rispetto al legno tradizionale. Ecco allora che il deck di Greenwood ha rappresentato la soluzione migliore per il Fiore di Pietra: è stata, infatti, considerata una pavimentazione sopraelevata con longheroni in alluminio e piedoni alti 50 cm, ricoprendo una superficie di 800 mq con doghe tagliate a misura per realizzare una pianta di forma ottagonale.

E’, inoltre, un prodotto molto resistente all’invecchiamento, agli agenti atmosferici e al continuo passaggio pedonale delle persone che quotidianamente visitano la struttura.